Federica Pellegrini grande protagonista al Grand Prix Città di Napoli

La “Divina” del nuoto mondiale sarà alla piscina Scandone il 27 e il 28 maggio

Dopo avere ufficializzato la propria partecipazione ai Giochi Olimpici del 2020, Federica Pellegrini sceglie Napoli quale importante tappa di avvicinamento ai Mondiali di nuoto del prossimo luglio a Budapest.

La “Divina” sarà infatti una delle grandi protagoniste della seconda edizione del Grand Prix Città di Napoli, gara internazionale di nuoto in programma alla Piscina Scandone di Fuorigrotta sabato 27 e domenica 28 maggio. La manifestazione è organizzata dall’agenzia Eventualmente Eventi & Comunicazione di Luciano Cotena con il coordinamento tecnico dell’ex nuotatore Francesco Vespe e il supporto con comitato campano della Fin.

Per Federica Pellegrini si tratta di un ritorno in acqua alla Scandone: fu infatti una delle stelle della prima edizione del Grand Prix Città di Napoli nel 2005, quando forte della medaglia d’argento conquistata alle Olimpiadi di Atene nei 200 stile libero si fece apprezzare in più gare.

Con lei in gara il 27 e 28 maggio ci saranno tanti altri big del nuoto italiano, a cominciare da Filippo Magnini. Molti di questi atleti a Napoli punteranno poi a ottenere il tempo minimo per poter partecipare alla rassegna iridata della prossima estate.

Queste le gare in programma: 50, 100 e 200 per i quattro stili (libero, rana, dorso e farfalla), 400 stile libero e 200 e 400 misti. Le batterie sono in programma il 27 maggio e la mattina del 28, le finali nel pomeriggio della domenica.

“Si tratta – afferma Luciano Cotena – di un progetto al quale stavamo lavorando da tempo e che ora, forti dell’esperienza acquisita grazie a 14 edizioni della Capri-Napoli e all’organizzazione di tante altre manifestazioni sportive, ci auguriamo di ripetere annualmente, rendendolo il Grand Prix Città di Napoli sempre più un appuntamento fisso del calendario, non solo nazionale, per i grandi protagonisti del nuoto mondiale. Era assurdo che Napoli non avesse una rassegna di livello come accade in tutte le altre grandi città italiane. Questo progetto – conclude Cotena – nasce anche in vista delle Universiadi 2019. Per quell’appuntamento ci auguriamo siano realizzati tutti gli opportuni lavori alla Piscina Scandone, così da permettere l’organizzazione anche altri eventi ufficiali”.